Per la Festa delle Donne avrei potuto scrivere milioni di cose melense, del tipo che siamo una forza, che le donne sono il motore del mondo, che le donne hanno una forza incredibile che sanno tirare fuori anche nei momenti bui, che le donne riescono ad essere multitasking, che le emozioni che sa provare una donna sono uniche ed irripetibili e blablabla e ancora blablabla.

Tutte parole. Solo parole.

Ma a me interessano i fatti.

E i fatti dicono che le donne sono le peggiori nemiche delle donne stesse.

La solidarietà femminile?! Beh, certo, non metto in dubbio l’esistenza di realtà o di esempi positivi e significativi, ma in linea di massima direi che non ci siamo per niente.

Non ci siamo proprio.

Io, per la Festa delle Donne, scrivo allora due righe di monito a tutte le donne.

Me compresa, indubbiamente.

Perché le donne sanno tirare fuori il loro peggio proprio a discapito delle altre, sgretolando con le loro stesse mani anni e anni di battaglie e di lotte per l’emancipazione femminile.

Ho sentito donne insultare ed offendere altre donne per l’altezza eccessiva del tacco indossato, per la profondità estrema di una scollatura, per un amore troppo prematuro, per un torto commesso, per un appuntamento mancato, per un segnale stradale non rispettato, per uno sconto negato, per una foto troppo ammiccante. E per mille altri motivi.

Ho visto invidia, cattiveria, rabbia, bullismo, tradimento, delusione, malignità, antipatia, disperazione, fallimento, per mano di altre donne.

Oggi è la Festa delle Donne, ma credo ci sia ben poco da festeggiare.

Oggi è la Festa delle Donne ma, mimosa a parte, temo ci sia ben poco a tenerci unite in questa celebrazione.

C’è ancora molta strada da fare, ma il sentiero è impervio e pieno di insidie.

C’è ancora molta strada da fare, ma occorre farla insieme, altrimenti non si va da nessuna parte.

Buona Festa delle Donne, a tutte le Donne!

E che sia un giorno di solidarietà concreta e di rispetto reciproco!

[Stamattina, alle 4,30, è nata Matilde, per la gioia infinita di mamma Valentina e papà Denis. Stamattina la nostra famiglia si è arricchita di una nuova vita. Stamattina una piccola donna si è affacciata al mondo, ed io le auguro una vita piena di felicità. Benvenuta, Matilde! Benvenuta, piccola donna!]

Condividi: